Manovra 2019, professionisti: niente permesso se non si paga il progettista

64

Le proposte delle professioni tecniche per contrastare l’aumento della pressione fiscale dovuto all’evasione

Stop all’attività edilizia in mancanza dei documenti che comprovino il pagamento dei progettisti secondo le norme sull’equo compenso. È la proposta che la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) vorrebbe introdurre come emendamento al disegno di legge di Bilancio 2019.

La proposta ricalca i contenuti della legge della Regione Calabria che tutela il lavoro dei professionisti e punta ad attenuare l’evasione fiscale. Una norma che è piaciuta e che ha ispirato altre iniziative, come la proposta di legge messa a punto dalla Federazione Architetti Ingegneri Liberi Professionisti (FNAILP) e la delibera della Regione Siciliana che raccomanda agli Assessorati di rispettare le norme sull’equo compenso ed evitare clausole vessatorie.

Leggi tutto l’articolo su edilportale